Aggiornato 15 febbraio 2016

 

festamela2014

 

Locandina-A4.pdf

Giornata della mela 2014: festa bagnata, festa fortunata!

“L’evento si terrà con qualsiasi tempo” questa è la frase, riportata sul manifesto della 9a Giornata della mela tenutasi lo scorso fine settimana in Capriasca, che durante le prime ore di sabato mattina continuava ad echeggiare nei pensieri degli organizzatori, perplessi di riuscire a tener testa ai copiosi scrosci d’acqua che si susseguivano senza tregua. Durante le passate edizioni dell’evento organizzato da Capriasca Ambiente - ProFrutteti in collaborazione con l’azienda agricola protetta La Fonte di Vaglio, si è presa l’abitudine di accogliere i numerosi visitatori con il bel tempo o perlomeno con un clima asciutto, fattore che consentiva di occupare i vari spazi esterni messi a disposizione dall’azienda che con le loro peculiarità andavano a creare un atmosfera dal carattere singolare. La sfida di ridimensionare la festa ai soli spazi interni (in realtà già affrontata in passato ma quando la festa aveva dimensioni ridotte) ha messo a dura prova gli organizzatori i cui sforzi, anche grazie all’ottima collaborazione di tutti gli espositori e dei diversi collaboratori, sono stati però debitamente ricompensati in quanto la pioggia caduta sabato in realtà non ha ostacolato le numerose persone accorse a Vaglio per l’occasione; l’affluenza è stata ridotta ma non ha pregiudicato l’esito dell’evento.

Il pubblico era molto eterogeneo, composto da grandi e piccini, da amatori e professionisti del settore, dagli affezionati ma anche da molte persone “nuove” incuriosite di festeggiare il frutto più amato dagli svizzeri, la mela. L’atmosfera singolare della manifestazione si è riconfermata, beffandosi del maltempo. Durante l’evento regnava un clima allegro, ricco di scambi di conoscenze e di esperienze, in cui ognuno a trovato qualche cosa da potare a casa: un alberello di mele, frutta locale, succo nostrano, consigli e savoir-faire oppure un semplice sorriso accompagnato da una fotografia, virtuale o non, della diversità del nostro patrimonio frutticolo messa in mostra dall’esposizione pomologica organizzata per l’occasione da ProFrutteti e dall’Associazione frutticoltori ticinesi. Tra le provviste fatte dai visitatori vi erano anche confitture, conserve e altri prodotti trasformati, così come diverse tipologie di formaggio e vino. Infatti, la giornata dedicata alla mela e alla sua diversità si è anche rivelata un’ottima vetrina per la promozione di altri prodotti locali, genuini e di stagione.

Uno degli obiettivi perseguiti da ProFrutteti è la promozione dell’uso e il consumo della mela in cucina in termini di “riscoperta”, dunque senza limitarsi a riproporre “i classici” (i cui pregi rimangono indiscussi ma le qui ricette sono spesso riproposte un po’ in tutte le salse). In tal senso un’occasione per scoprire la versatilità della mela in cucina è stato quello proposto dall’aperitivo di apertura della 9a Giornata della mela che si è tenuto il venerdì sera negli spazi del lavatoio di Tesserete. Tra le specialità proposte vi erano per esempio le melette farcite con insalata di cabis, la focaccia di mele e cipolle, l’insalata di barbabietole e mele - per citare alcune salate - e diverse confitutte monovarietali di mele, torrette di mele e cannella e purè di mele alla citronella - per citarne alcune dolci. La serata organizzata per far scoprire nuovi gusti e sapori è stata più che riuscita. Tuttavia l’esperienza gastronomica della manifestazione non è finita lì, infatti è proseguita con il pranzo in tema preparato dal Laboratorio Ronchetto della Fondazione Dia­mante e dalla rassegna proposta dal ristorante Stazione di Tesserete per l’occasione.

Un altro elemento al centro dell’evento che rende particolarmente orgogliosi i membri di ProFrutteti, il gruppo di lavoro dedito al recupero e alla valorizzazione delle antiche varietà locali, è sicuramente la vendita degli alberelli organizzata in collaborazione con il Vivaio Cantonale di Lattecaldo. Molte sono state le persone che sabato sono giunte a Vaglio proprio con il desiderio di tornare a casa con un melo di una varietà non qualunque ma legata al nostro territorio o a un particolare gusto dell’infanzia; un melo per commemorare una nascita oppure per inaugurare il proprio giardino; un melo per ricordare, un melo per conoscere e autoprodurre il proprio cibo; un melo per riscoprire nuovi sapori e così via. Per ProFrutteti ogni alberello che lascia il vivaio è un traguardo da festeggiare, in quanto contribuisce alla conservazione della diversità e al ridifondersi delle conoscenze associate. Fino ad ora sono un centinaio gli alberi messi a dimora un po’ in tutti i giardini del Ticino.

Prima dei ringraziamenti e dei saluti, ricordiamo che l’anno prossimo la festa stessa raggiungerà un traguardo importante, ossia il suo decimo anniversario. Per festeggiare questa ricorrenza gli organizzatori si metteranno presto all’opera per allestire un programma speciale!

Nell’attesa di rivederci l’anno prossimo, un grazie a tutti i sostenitori e collaboratori per la buona riuscita dell’evento!

 

 



 

team2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 rubinetto

Riapertura Centro di produzione succo di mele, stagione 2014

Martedì 26 agosto 2014, a fine ottobre, riprenderà l'attività del Centro di produzione artigianale del succo di mele presso l’abituale ed accogliente sede dell'Azienda agricola protetta La Fonte a Vaglio.

Quest’attività, grazie anche al suo sostegno, contribuisce a valorizzare le antiche varietà di alberi di meli presenti nel comprensorio della Capriasca e di tutto il Ticino, una risorsa territoriale che è stata tramandata dalla civiltà contadina e che rafforza la biodiversità.

Il prezzo per la torchiatura, la pastorizzazione e l’imballaggio del prodotto è rimasto invariato: fr. 2.- per litro prodotto, con uno sconto del 10% per quantitativi superiori a 100 kg e del 20% quando sono superiori a 200 kg. Per motivi organizzativi il quantitativo minimo di mele da trasformare in succo è fissato, di regola, a 50 kg.

La consegna delle mele è possibile unicamente con l'accordo del responsabile della produzione, signor Micha Tonini, telefonando al numero 078 893 97 77 dal lunedì al venerdì, dalle ore 13.00 alle 17.00. Invitiamo ad attenersi agli orari indicati e a non telefonare all’Azienda La Fonte. Se il responsabile non risponde lasci la sua comunicazione, verrà richiamato al più presto. La torchiatura delle mele viene eseguita al martedì e al venerdì.

È importante prenotarsi con anticipo in quanto la lavorazione giornaliera di mele non può superare i 1'500 kg. Consigliamo di chiamare il signor Tonini e di coordinare la consegna prima della raccolta delle mele.

Evidenziamo che per ottenere un prodotto di qualità è indispensabile che le mele siano pulite e prive di frutti in marcescenza. È necessario procedere a una cernita accurata prima della consegna e mantenere al fresco le mele fino al giorno stabilito per la torchiatura. Se la qualità è buona si otterrà un succo altrettanto buono e gustoso.

Segnaliamo che siamo interessati all'eventuale acquisto delle mele indigene, anche dall'albero. Il prezzo d'acquisto dipenderà dalla modalità di consegna e dalla qualità delle mele. Siamo anche disposti ad assumere la custodia dei vecchi alberi situati nel comprensorio della Capriasca, provvedendo alla regolare potatura. Quale controprestazione diamo ai proprietari il 10% della resa di succo.

Nel frattempo le comunichiamo che è già stata fissata la data della giornata della mela, alla quale è cordialmente invitato; si svolgerà sabato 11 ottobre 2014 presso l'Azienda La Fonte a Vaglio con qualsiasi tempo (spazio coperto a disposizione).

Anche quest'anno l’attendiamo con piacere fra i nostri affezionati clienti, ringraziamo per l'appoggio e la salutiamo con viva cordialità.

 

Il "Conta succo"

Fino ad ora sono stati prodotto 23'370 litri di mosto.



cartello-1-2 2

 

20 anni di Capriasca Ambiente 1994/2014

20 anni fa nasceva Capriasca Ambiente era il 28 ottobre 1994 in occasione dell’assemblea ordinaria di quest’anno, tenuta sabato 22 marzo presso l’aula magna della Scuola Media di Tesserete, lo si è voluto sottolineare con un incontro festoso. Incontro festoso che oltre all’assemblea ordinaria ha proposto - ricalcando modalità e mezzi che hanno caratterizzato 20 anni di vita attiva di Capriasca Ambiente - momenti ricreativi, formativi e informativi.

La proiezione di immagini che riferivano di alcuni momenti salienti dell’attività di Capriasca Ambiente, alcuni documenti con il mitico primo Bollettino informativo “L’amaca” che nel novembre del 1994 sanciva la nascita di Capriasca Ambiente, il coinvolgimento spontaneo e informale dei presenti e in particolare di coloro – soci fondatori dell’associazione, membri di comitato o attivi in ProFrutteti o nei diversi gruppi di lavoro – che costituiscono la “memoria storica” di Capriasca Ambiente nel corso di un gustoso e ricco aperitivo, hanno permesso di vivere un momento divertente e intrigante, all’insegna del piacere della condivisione dei ricordi.

L’incontro si è concluso con un momento informativo ed educativo, ricco di stimoli e insegnamenti, rappresentato dalla proiezione del documentario-inchiesta “I raccolti del futuro” di Marie-Monique Robin. I presenti hanno potuto conoscere, tra i possibili rimedi alla crisi alimentare che si sta rapidamente diffondendo su scala mondiale, l’agroecologia, unica alternativa che si basa sul rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali.

 

 

Per una Capriasca senza discariche!

Capriasca Ambiente a giorni lancerà una petizione “Per una Capriasca senza discariche”. Il dipartimento del Territorio nel mese di giugno ha presentato una procedura di consultazione relativa alle modifiche della scheda V7 discariche. Capriasca Ambiente appoggia pienamente le osservazioni presentate ed elaborate dal WWF e delle associazioni ecologiste presenti sul territorio per una maggiore responsabilità sugli effetti di tali discariche sull’ambiente, sul paesaggio e sulla salute dei cittadini. In questi ultimi anni il deposito di inerti è diventato un problema sempre più grave, ma non è creando nuove discariche che lo si potrà risolvere. Il riciclaggio di gran parte degli inerti non viene ancora effettuato.
Una delle ventilate discariche previste si situerebbe in località “Crevogno” sul territorio del comune
di Ponte Capriasca e Taverne Torricella, nella bassa Capriasca, in un contesto paesaggistico di
importanza regionale che comprende il lago di Origlio, il monte San Zeno, i boschi di Poreca fino al
dosso di Taverne e Sigirino, importante corridoio per la fauna selvatica.
Il passaggio di automezzi pesanti sulla strada cantonale che attraversa Cureglia e Origlio e
condurrebbe alla discarica, comporterebbe un ulteriore aumento con effetti devastanti sulla già
fragile situazione viaria della strada cantonale che li attraversa, sulla sicurezza dei pedoni e sulla
salute degli abitanti.
Per questi motivi l’associazione Capriasca Ambiente si mobilita a lanciare una petizione “Per una
Capriasca senza discariche” e appoggerà altre associazioni per lottare in difesa del territorio e
delle bellezze che per fortuna caratterizzano ancora il nostro paese.

 

                                   Abbiamo raggiunto le 1300 firme !


Stampa il formulario Petizione per una Capriasca senza discariche

Vogliate inviare il formulario, anche se incompleto al seguente indirizzo:

Capriasca Ambiente c/o Fulvio Gianinazzi, Contrada Libera, 6953 Lugaggia

                     

                                              La Capriasca ti ringrazia

 

Chi vuole saperne di più: Piano direttore cantonale -  Rapporto esplicativo.

 

 

 

meline

Sabato 19 Ottobre 2013, sotto un tiepido sole, si è svolta nei migliori dei modi, l'8va "Festa della mela" attirando numerosi visitatori che si sono lasciati incuriosire dalle diverse attrazioni proposte dall’evento.

Erano presenti alla manifestazione:

  • Capriasca Ambiente gruppo ProFrutteti,
  • Fondazione La Fonte,
  • Associazione frutticoltori ticinesi (AFT)
  • Ficedula,
  • ProNatura Ticino,
  • Società ticinese apicoltura-sezione Lugano (STA)
  • Vivaio forestale cantonale Lattecaldo,
  • Acqua per il "Terzo Mondo" W-3-W.

Allietati dalle note del duo "Tacalà", curato dal Laboratorio Fondazione Diamante Al Ronchetto, abbiamo pranzato a base di mele e non solo.... .

Dalle 14.00, per la gioia di grandi e piccini, si è tenuta la dimostrazione della torchiatura delle mele e i presenti hanno potuto assaporare la bontà del succo appena spremuto. In seguito, con la collaborazione della Società pro avifauna del Canton Ticino “Ficedula”, presente all’evento con uno stand informativo, sono stati costruiti sul posto 25 casette nido, che in primavera saranno a disposizione di passeri, cinciallegre e altri volatili presenti sul nostro territorio.

Con il tiro con la balestra, il concorso per i bambini, la giornata si è conclusa con il teatrino "Tredicino" tratto dalla raccolta "Fiabe engadinesi".

 

Programma completo:Locandina/programma.pdf

continua in Gallery

 



team12 1




rubinetto

Martedì 27 agosto 2013, abbiamo ripreso l'attività del Centro di produzione artigianale del succo di mele, che si trova presso l'Azienda agricola protetta La Fonte a Vaglio.
Questa attività, contribuisce a valorizzare le antiche varietà di alberi di meli presenti nel comprensorio della Capriasca del Luganese e oltre, una risorsa territoriale che è stata tramandata dalla civiltà contadina e che rafforza la biodiversità.

Il prezzo per la torchiatura, la pastorizzazione e l’imballaggio del prodotto è rimasto invariato: fr. 2.-- per litro prodotto, con uno sconto del 10% per quantitativi superiori a 100 kg e del 20% quando sono superiori a 200 kg.
La consegna delle mele è subordinata al preventivo accordo con il responsabile della produzione, signor Micha Tonini , telefonando al numero 078 893 97 77 durante i giorni ferali dalle ore 14.00 alle 17.00 Se non risponde lasci la sua comunicazione, verrà richiamato al più presto. È importante prenotarsi con anticipo in quanto la lavorazione giornaliera di mele non può superare i 1'500 kg.

Per ottenere un prodotto di qualità è indispensabile che le mele siano pulite e prive di frutti in marcescenza. La consegna delle mele deve essere fatta al più presto possibile dopo la raccolta.

Segnaliamo che siamo interessati all'eventuale acquisto delle mele indigene, anche dall'albero. Il prezzo d'acquisto dipenderà dalla modalità di consegna e dalla qualità delle mele.





Il "Conta succo"

Fino ad ora sono stati prodotti 11830 litri di mosto.




2013bigorio

 Domenica 16 giugno 2013, giornata splendida, guidati da Nicola Schoenenberger (biologo di fiducia), siamo saliti ai monti di Bigorio, alla ricerca della Serapias vomeracea, appartenente alla famiglia delle Orchidacee, passando attraverso boschi e prati, dopo la pausa pranzo "chez Loio Ai Piani", passando per Condra, Sciss e per terminare la giornata "chez Giorgi" in quel di Meraggia, per gustare una buonissima meranda vegana.

 

 

 

altre immagini in Gallery

 

 

DSCF2610-001 Quella trascorsa il 5 maggio scorso presso la fattoria bio di montagna "in Red" per il Corso sulle erbe selvatiche commestibili la si può a giusta ragione definire una giornata all'insegna della conoscenza e della condivisione. Il posto incantevole e la ricchezza naturalistica del luogo, nonché la competenza e le spiegazioni di Brigit, hanno permesso ai partecipanti al corso di imparare a distinguere, raccogliere e apprezzare innumerevoli erbe selvatiche commestibili.
Infatti alla raccolta, accompagnata dall'indicazione delle qualità delle diverse erbe, ha fatto seguito la loro preparazione, dall'antipasto al dessert, quale cibo prelibato e molto apprezzato dai partecipanti.



DSC 0217 Small Giovedì 28 febbraio 2013, si è tenuta l'assemblea generale ordinaria, presso la ex sala del Consiglio Comunale di Tesserete.
Come consuetudine, quest’anno l’assemblea é stata preceduta dalla visione di un intrigante documentario intitolato:

“Les origines de la pomme ou le jardin de l’eden retrouvé”

di Catherine Peix. Un filmato in onore del Professor Ayamak Djangaliev, che svela per la prima volta il misterioso mondo delle foreste di melo selvatico de Kazakhstan.

 

continua in Gallery



brè

Sabato 8 dicembre si è svolta a Brè la riunione delle numerose associazioni di cittadini per il territorio attive in Ticino organizzata quest’anno da Uniti per Brè. 50 sono stati i partecipanti con la presenza dei membri di: Cittadini per il territorio del Mendrisiotto, AMICA Castione, ATA SI, Capriasca Ambiente, Cittadini per il territorio Massagno, SOS Mendrisiotto Ambiente, STAN-Heimatschutz Ticino, Uniti per Brè, VivaGandria.

 


La giornata è stata dedicata al ricordo di Tita Carloni che è stato un attento osservatore e difensore del nostro territorio e non ha mai lesinato critiche al deturpamento causato da speculazione, da una distorta visione della crescita, dalla fame di profitto e da una politica incapace di porre delle regole al punto da divenire complice del disastro. La sua è una perdita pesante per il Canton Ticino. I cittadini per il territorio lo ricordano con grande affetto e cercheranno di raccoglierne la non facile eredità e di continuare la lotta in difesa del nostro martoriato territorio.

Durante quest’incontro è stata accettata la risoluzione con la quale le associazioni chiedono al Consiglio di Stato di licenziare immediatamente all’attenzione del Gran Consiglio il messaggio riguardante la normativa sulla compensazione di vantaggi e svantaggi derivanti dalla pianificazione.

 

Ospite della giornata è stata l’arch. Cristina Kopreinig-Guzzi, urbanista, che ha presentato alcune riflessioni sul tema “Ticino quali città?”. Dalla discussione che ne è seguita è stata evidenziata l’assenza del coinvolgimento del cittadino nel processo di ragionamento sulla pianificazione del territorio (di solito delegata ai soli tecnici) ed è quindi dunque stata sottolineata l’importanza del concetto di cittadinanza condivisa.

Le associazioni del territorio del Luganese che insieme all’ATA formano l’ “osservatorio della mobilità”,hanno informato in merito al programma di agglomerato del luganese di seconda generazione (PAL2) in particolare della lettera di reclamo indirizzata all’ufficio federale dello sviluppo territoriale di Berna. Con il reclamo si presentano le argomentazioni critiche che sono state ignorate dalla procedura della CRTL e che mostrano come il programma non sia condivisibile.