Aggiornato 15 febbraio 2016

 

DSC 0003 inauguraz-nava-001

Giovedì 6 settembre 2012, si è svolta l'inaugurazione del frutteto di conservazione delle antiche varietà di meli locali della Capriasca.

Dopo una breve presentazione dell’associazione Capriasca Ambiente da parte del presidente Fulvio Gianinazzi e dell’importanza di salvaguardare il patrimonio genetico da parte di Nicola Schönenberger, Paolo Piattini ha presentato il progetto realizzato e in fine Muriel Hendrichs ci ha presentato e commentato alcune delle varietà di melo conservate.

Al termine delle presentazioni è stato offerto ai presenti un aperitivo a tema organizzato dal laboratorio Al Ronchetto della fondazione Diamante accompagnato dalla musica del gruppo Ratatagnol.


altre immagini in Gallery


Il frutteto è il primo e unico di antiche varietà di meli ad alto fusto in Ticino, l’idea di realizzare un frutteto simile è nata dalla presenza nel paesaggio agricolo della Media Capriasca di molte vecchie piante di meli ad alto fusto, con una diversità varietale enorme, ma purtroppo sempre più vecchie e morenti.

All’interno della Capriasca sono stati rilevati 400 alberi di un centinaio di varietà, molte presenti solo localmente. Di questo centinaio di varietà, 70 sono state ritenute particolarmente interessanti e pregiate e pertanto meritevoli di essere conservate, dove però realizzare un frutteto senza togliere terreni agricoli agli agricoltori già “martoriati” dall’espansione edilizia?

Non senza molteplici difficoltà si è ritrasformato un terreno agricolo abbandonato divenuto bosco in un prato agricolo e in esso sono stati impiantati i giovani alberi di melo, in questa maniera è stato possibile – unica eccezione in Capriasca se non nel Luganese – di ampliare l’area agricola.

Il frutteto è stato creato su una superficie di 7'200 m2, di cui ca. 4’200 m2 considerati bosco, mentre la restante superficie era imboscata, ma non giuridicamente bosco.

Progetti simili, di non facile attuazione, sono certamente un bell’esempio di sinergia tra gestione agricola e forestale e meritano di essere riprodotti. Anche per tale ragione è nata l‘idea di festeggiare con tutti gli interessati quest’importante traguardo!

 

Per saperne di più vai in Progetti